[ Downloads ]   [ Home ]

 

Adrian le Roy

CINQIESME LIVRE DE GVITERRE

1554

 

16. La pastorella mia.

La pastorella mia
Senza altra compagnia,
Solett'al suo giardino
Per coglier petrofino
Se'nandaua,
La non parlaua
Ma si sforzaua
Di monstrarmi con la mano,
Fuor de la villa bel villano,
Ch'io me ne vado poco lontano,
Venirai pian pian
O bel villan' bel villano.

N'andaua contignosa
E mesta e vergognosa
Cantand' vna canzona,
Tu porti la corona,
E poi rideua
Io la sentiua
Quel' che diceua
Sotto voce piano piano,
  Fuor, &c.

Questa mia pastorella
Tanto leggiadra e bella
Co'l suo polito viso
Monstraua il paradiso
E lieto il giorno
Coglieasi intorno
Co'l viso adorno
Fior' herbett'e con la mano,
  Fuor, &c.
Quando la mi chiamaua
Tutt'a me si monstraua
Scoprendo il bianco petto
E per non dar sospetto
S'adiraua
Poi caminaua
Ma ritardaua
Li suoi passi piano piano.
  Fuor, &c.

Io poi poi la saguitaua
Tanto ch'io l'arriuaua
Vicina al suo boschetto
Giungendo petto petto
La basciaua
Lei che m'amaua
La sospiraua
Pur dicendo piano piano.
Io t'ho purgionto amor mio charo,
Ch'io me ne venni pocco lontano,
Tornerai pin piano,
O bel villan' bel villano.










 

Close

Online text copyright ©, Harald Lillmeyer
www.harald-lillmeyer.kulturserver.de